Capelli biondo cenere: come portarli e come ottenerli in casa, la guida


Per quanto sia da molti giudicato fuori moda, il biondo cenere è uno di quei colori che non andrà mai fuori moda, anzi! E’ stato uno dei colori dell’anno 2015. Il biondo cenere è ancora una tinta non convenzionale e molto affascinante. Certo, non a tutte sta bene. Soprattutto, secondo gli esperti, bisogna trovare la giusta tonalità che faccia il paio con il nostro incarnato. Vediamo insieme a chi sta bene e come realizzarlo in casa.

Capelli biondo cenere: a chi stanno bene?

Biondo cenereIl biondo è una tonalità che sta bene quasi a tutte le donne; il biondo cenere è molto facile da portare e molto amato dalle donne. Sta di fatto che alcune di noi hanno quel quid in più che riesce a tirare fuori il meglio da quel biondo cenere, rendendo la donna padrona di se stessa e sicura in maniera inequivocabile. Per capire se il biondo cenere può essere adatto a voi, usiamo alcuni piccoli test cromatici. Nel tuo guardaroba ci sono abiti color grigio-tortora, bianco e blue-jeans? Il tuo smalto è certamente rosso lampone, così come il make up in genere? Benissimo, il biondo cenere è adatto a te. Se poi hai anche una pelle chiarissima, con occhi chiari e lineamenti nordici, il gioco è fatto.

Certo con gli anni il biondo cenere si spegne, va quindi illuminato con dei colpi di sole o shatush tendenti al platino. Da evitare, invece, le tonalità più ramate, che mal si accoppiano con i colori freddi di un incarnato perlato. Se al contrario il nostro colore della pelle è più dorato, dovremo valorizzare gli occhi puntando su riflessi più caldi, magari appunto ramati. Infine chi ha la carnagione molto scura, sull’olivastro, deve astenersi da questa tinta. Per quanto riguarda i tagli che si prestano al meglio, abbiamo via libera con il bob, perfetto per esaltare il biondo cenere e dare luminosità al viso. Se, invece, avete capelli lunghi, meglio dare un po’ di movimento al biondo cenere con shatush o un balayage appena accennato.

Capelli biondo cenere: come ottenerlo in casa

Innanzitutto scegliete il biondo cenere prestando attenzione a lasciare la cute sempre un po’ più scura rispetto alle punte. Durante la decolorazione dovrete eliminare ogni segno di pigmentazione rossa: questo passaggio può essere difficile, se fatto poco bene potrebbero poi risultare delle chiazze giallognole sui capelli poco carine. Se volete evitare il problema, ed è la prima volta che vi avvicinate al biondo cenere, lasciatevi aiutare da un parrucchiere professionista. I colori, tutti, vanno applicati su capelli sani: quindi la prima azione da compiere è riparare il capello con prodotti specifici a base di cheratina. In questo modo i capelli assorbiranno meglio poi i pigmenti. A questo punto dovete decidere che tipo di biondo volete: anche noi donne non esperte possiamo dare movimento al biondo creando meches e punti luce. Così, ad esempio, dopo aver ripartito la miscela sulle radici si lascia agire 10 minuti, quindi si vaporizza dell’acqua tiepida su alcune ciocche e sulle punte e, infine, si applica la tinta sul resto dei capelli, con un tempo di posa di 5 minuti. A questo punto non vi resta che guardarvi allo specchio, guardare nel vostro guardaroba, e scegliere la tonalità giusta di biondo cenere che meglio si adatta alla vostra personalità. Se poi ci aggiungete un bel taglio di moda per la nuova stagione, il gioco è fatto.

Condividi